La Pittura tombale egizia

La massima espressione della pittura nell’antico Egitto si ha nella pittura tombale. Le pareti delle tombe venivano interamente imbiancate e poi dipinte con scene di vita quotidiana, generalmente legate alla vita condotta dal o dai defunti. Si riteneva che tali raffigurazioni, unite alle provviste e alle libagioni poste all’interno dei sepolcri accompagnassero il defunto nell’aldilà.
I dipinti si caratterizzano per la fissità delle figure, dipinte con una prospettiva molto particolare, tipica egizia: le parti anatomiche del corpo umano sono dipinte osservandole dal punto di vista più importante e significativo alla visualizzazione, per cui volto, gambe, braccia e piedi sono rappresentati di profilo, mentre busto, spalle e occhi sono rappresentati frontalmente.
Le proporzioni delle figure umane nella pittura egizia erano rigidamente matematiche: l’intera figura umana riempiva un reticolo di diciotto quadrati regolari: la testa ne occupava due, il busto ne occupava dieci e le gambe ne occupavano sei. Tramite questi schemi le figure avevano sempre le stesse altezze e occupavano sempre gli stessi spazi.

image

Un pensiero su “La Pittura tombale egizia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...