L’attesa

“Così è da poco che è arrivato a Genova?” chiese il portiere della pensione sorridendo. “Eh già sono arrivato ieri nel pomeriggio.” rispose rapidamente l’uomo vestito di nero. “Si tratterà molto da noi?” chiese l’anziano. “Giusto lo stretto necessario.” disse l’altro in tono asciutto e sgarbato. Era vestito di nero dalla testa ai piedi, portava […]

Continua a leggere "L’attesa"

Un amico importante

“Ciao Mamma”, Dario rispose quando ancora non era terminato completamente il primo squillo. “Dimmi tutto.”. “Ciao Dario, ti chiamo per avvisarti che sono ancora qui dal nonno, il lavoro sarà più lungo del previsto, non aspettatemi mangiate pure.”. “Va bene.” E dopo una breve pausa durante la quale accese una sigaretta e tirò una profonda […]

Continua a leggere "Un amico importante"

La vergogna

Dopo essersi guardata attorno con circospezione, infilò il formaggio nella borsa. Uscì dal supermercato vergognandosi dei suoi ottanta anni. “C’hanno insegnato la meraviglia verso la gente che ruba il pane ora sappiamo che è un delitto il non rubare quando si ha fame.” Fabrizio De Andrè

Continua a leggere "La vergogna"

Il silenzio del dolore

L'aereo atterrò puntuale come un orologio svizzero. Quel pomeriggio faceva ancora caldo e Piero inforcò gli occhiali da sole mentre si avvicinava al gate di uscita. Un cappellino da baseball dei New York Yankees calcato sul viso gli faceva ombra. Non era mai stato negli States e il suo cuore stava andando a mille. Iniziò […]

Continua a leggere "Il silenzio del dolore"